Vai al contenuto principale

Gruppo di ricerca in Cardiostimolazione, devices e scompenso cardiaco

Settore Scientifico disciplinare: MED/11

Responsabile: Dott. Davide Castagno

  • Davide Castagno, Ricercatore Universitario a tempo determinato
  • Piergiorgio Golzio, Dirigente Medico
  • Carlo Budano, Dirigente Medico
  • Arianna Bissolino, Medico borsista

  • Corso Dogliotti, 14 III piano (blocco sale operatorie)
  • Telefono 0116336763

  • valutazione dell’efficacia e della sicurezza a lungo termine dell’impianto di pacemaker definitivo, defibrillatore impiantabile e dei dispositivi di resincronizzazione cardiaca nella popolazione generale e in specifici sottogruppi (e.g. pazienti cardiotrapiantati, pazienti affetti da laminopatie, pazienti sottoposti a impianto di TAVI)
  • valutazione dell’impatto sulla prognosi e sulla qualità di vita degli interventi appropriati e inappropriati dei defibrillatori impiantabili
  • studio dei predittori di risposta alla terapia di resincronizzazione cardiaca
  • studio e valutazione del follow-up a lungo termine dei pazienti sottoposti a impianto di defibrillatore sottocutaneo
  • outcome e follow-up a lungo termine dei pazienti sottoposti a estrazione transvenosa di elettrocateteri
  • epidemiologia dello scompenso cardiaco
  • “evidence based therapies” e outcome research nel paziente affetto da scompenso cardiaco
  • significato fisiopatologico e impatto prognostico delle principali comorbilità (e.g. fibrillazione atriale, diabete mellito e insufficienza renale) nel paziente affetto da scompenso cardiaco
  • implicazioni fisiopatologiche e impatto prognostico della frequenza cardiaca nel paziente affetto da scompenso cardiaco

  1. Prevalence and prognosis of lead masses in patients with cardiac implantable electronic devices without infection. Golzio PG, Errigo D, Peyracchia M, Gallo E, Frea S, Castagno D, Budano C, Giustetto C, Rinaldi M. J Cardiovasc Med (Hagerstown). 2019 Apr 3. doi: 10.2459/JCM.0000000000000797. 
  2. Use of implantable cardioverter defibrillator in nonischaemic cardiomyopathy: a U-turn? Gaita F, Castagno D, Anselmino M. J Cardiovasc Med (Hagerstown). 2018 Feb;19 Suppl 1:e63-e67.
  3. Is heart rate a risk marker in patients with chronic heart failure and concomitant atrial fibrillation? Results from the MAGGIC meta-analysis. Simpson J, Castagno D, Doughty RN, Poppe KK, Earle N, Squire I, Richards M, Andersson B, Ezekowitz JA, Komajda M, Petrie MC, McAlister FA, Gamble GD, Whalley GA, McMurray JJ; Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure (MAGGIC). Eur J Heart Fail. 2015 Nov;17(11):1182-91.
  4. Association of heart rate and outcomes in a broad spectrum of patients with chronic heart failure: results from the CHARM (Candesartan in Heart Failure: Assessment of Reduction in Mortality and morbidity) program. Castagno D, Skali H, Takeuchi M, Swedberg K, Yusuf S, Granger CB, Michelson EL, Pfeffer MA, McMurray JJ, Solomon SD; CHARM Investigators. J Am Coll Cardiol. 2012 May 15;59(20):1785-95.
  5. Should we SHIFT our thinking about digoxin? Observations on ivabradine and heart rate reduction in heart failure. Castagno D, Petrie MC, Claggett B, McMurray J. Eur Heart J. 2012 May;33(9):1137-41.

  • Partecipazione ai seguenti clinical trial e registry: CRT Next (Biotronik), S-ICD Rhythm Detect Registry (Boston Scientific), ELECTRa Registry, COMMANDER-HF (Janssen), Subcutaneous-Implantable Cardioverter Defibrillator: HCM Defibrillation Testing Registry, RELAX-AHF (Novartis), RESPOND-CRT (Livanova/Sorin), MORE-CRT (St. Jude Medical)  

  

Ultimo aggiornamento: 04/09/2019 09:48
Non cliccare qui!